“L’essenziale è invisibile agli occhi”

(Piccolo Principe – Antoine de Saint-Exupéry)

Proprio come la conoscenza e l’innovazione

L’innovazione, la collaborazione, l’organizzazione… incidono sul valore del capitale intangibile ma per capirne meglio il valore servono indicatori per misurane la sua tangibilità. 

Dal Capitale Intangibile a quello Tangibile. Alla fine serve trasformare tutto in Euro

Il capitale Intangibile misura il raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali, la possibilità di creare valore, di valutare la crescita, l’efficienza, la stabilità,  il grado di vitalità della tua azienda.

Ecco gli elementi che compongono il Capitale intangibile

+capitale umano

ossia la parte di capitale intellettuale che dipende dalle conoscenze e dalle abilità possedute dal personale, il livello di istruzione dei dipendenti, il loro saper fare, le loro qualificazioni professionali, le competenze.

Sono tutte grandezze che ancora non sappiamo misurare con criteri standard e monetari.

Di esse tuttavia sappiamo che certamente influenzano i risultati di un’impresa.

+ capitale relazionale Esterno

ossia la parte riconducibile alle relazioni esistenti con soggetti esterni, quali fornitori, clienti, centri di ricerca, ecc. e alla reputazione e in particolare:

  • la qualità del rapporto con i clienti, di quello con i fornitori, con i rivenditori…;
  • il valore dei marchi di prodotti o servizi;
  • il valore della reputazione nel mercato e di quella tra gli investitori;
  • il valore delle licenze, degli accordi di franchising, delle joint venture con altre imprese

+ capitale organizzativo (Relazionale Interno)

ossia la parte legata al saper fare, eventualmente protetto da brevetti, e il saper fare assieme che pur essendo intimamente connessa al modo di operare delle persone, trascendono il capitale umano, ed esprimono la qualità dell’organizzazione.

Valori aziendali, filosofia manageriale, cultura aziendale, processi gestionali, policies, modelli organizzativi, sistemi informativi, strategie distinguono un’azienda da un’altra oltre chiaramente alla proprietà intellettuale: i brevetti, i diritti di copyright, le formule, gli schemi, i segreti industriali, i marchi registrati che sono possesso dell’azienda. 

Ma nel momento in cui affronto un investimento come misuro l’effetto che avrà sul mio capitale intangibile?

Noi abbiamo sviluppato un modello di ROI ossia di Analisi del Ritorno dell’investimento che tiene conto proprio che non tutto è misurabile economicamente ma ci possono essere degli indicatori per trasformare i valori intangibili in valori monetari.

Vale proprio la pena di approfondire il modello che mettiamo a disposizione gratuitamente. Clicca  serve Mark Up il Lean BPM. CLICCA qui per scoprirlo